Digital aging, non ti temo

di Stefania Maroni
Le onde elettromagnetiche emesse da pc, smartphone e tablet possono accelerare l'invecchiamento cutaneo. La cosmetica offre validi strumenti per limitare questo rischio. Ecco quali.

m6Non sono solo lo smog e le polveri sottili a contaminare l’ambiente, da qualche anno dobbiamo fare i conti anche con l’inquinamento prodotto dalle onde elettromagnetiche emesse da PC, tablet e cellulari, ‘oggetti’ che ci accompagnano per buona parte della giornata, sul lavoro e nel tempo libero (è stato calcolato che gli italiani ogni giorno trascorrono in media 4,5 ore davanti al computer, usando lo smartphone e consultando il tablet). Insomma, i dispositivi elettronici ormai fanno parte del nostro quotidiano. Proprio per questo è bene sapere quali sono gli effetti di un’esposizione prolungata alle onde elettromagnetiche.

I DANNI DELL’IPERCONNESSIONE
È inutile negare che i digital device ci facilitano parecchio la vita, ma purtroppo non sono privi di effetti collaterali. Recenti studi, infatti, hanno dimostrato che le loro emissioni contribuiscono ad aumentare lo stress, possono provocare disturbi del sonno e rendere più irritabili. Come se non bastasse lasciano il segno anche sulla pelle, favorendo la produzione dei radicali liberi, primi responsabili dell’invecchiamento cutaneo. Ma c’è di più: il calore emanato dagli schermi digitali disidrata la pelle, rendendola ipersensibile, soprattutto se l’ambiente è molto secco.

DI GIORNO SCHERMI PROTETTIVI
Nei maggiori laboratori cosmetici del mondo si stanno studiando prodotti in grado mettere al riparo la pelle dalla digital pollution. Al momento, si sa che i filtri anti UV forniscono una discreta protezione e che gli speciali complessi antinquinamento, già presenti in molti cosmetici, particolarmente ricchi di principi attivi antiossidanti, funzionano bene anche contro le onde elettromagnetiche.

DI NOTTE COSMETICI RIGENERANTI
Il beauty care notturno deve iniziare con un’accurata pulizia, prima con il latte struccante, poi con un detergente schiumogeno. Poi è la volta del trattamento composto da creme e sieri rigeneranti, ovvero capaci di stimolare la produzione di nuove cellule e di riparare quelle il cui Dna è stato danneggiato. Si possono usare abbinati (se la pelle è segnata precocemente da rughe e rilassamenti) o da soli (se il problema è la disidratazione e il colorito poco luminoso). Nella gallery trovate una selezione di creme e sieri da giorno e da notte in grado di preservare la pelle dai danni indotti da tutte le aggressioni esterne.

AVVISI AI NAVIGANTI
Sicuramente, la cosmetica offre alla pelle valide armi per combattere gli effetti della digital pollution, che risulteranno ancora più efficaci adottando alcune semplici precauzioni.
● Se possibile, durante le ore di sonno, spegnere tutti i device ed evitare di tenerli in camera da letto.
● Durante i lunghi tragitti sui mezzi pubblici, sarebbe bene connettersi solo se necessario. Per non cadere in tentazione, basta tenere a portata di mano un libro appassionante.
● Niente smatphone a tavola, lo impone il nuovo galateo, con grande soddisfazione dei famigliari.
● No a tablet e portatili appoggiati direttamente sulle cosce: il calore che emanano rischia di provocare lievi scottature (segnalate dall’arrossamento) e, alla lunga, sulla pelle possono comparire macchie scure.

© RIPRODUZIONE RISERVATA
Publicato in: Corpo&Mente Argomenti: , , , , , , Data: 03-09-2016 10:00 AM


Lascia un Commento

*