Malattie pediatriche

Embriofetopatia da cocaina

L'uso di cocaina in gravidanza aumenta il rischio di parto prematuro e di ritardo di crescita.
L'embriofetopatia da cocaina colpisce i bambini esposti a questa sostanza in gravidanza.

L’embriofetopatia da cocaina colpisce i bambini esposti a questa sostanza in gravidanza.

L’embriofetopatia da cocaina consiste in un gruppo di segni clinici osservati nei neonati esposti in utero alla cocaina, uno stimolante del sistema nervoso centrale a breve azione, che si usa come droga attraverso l’inalazione di polvere o per iniezione endovenosa.

COME SI RICONOSCE

L’uso di cocaina in gravidanza aumenta il rischio di parto prematuro e di ritardo di crescita (che interessa il peso, la lunghezza e la circonferenza cranica), e di disturbi del comportamento nei figli. E’ anche aumentato il rischio di aborto e di morte fetale. E’ stata anche suggerita una possibile associazione tra l’esposizione prenatale alla cocaina e lo sviluppo di cardiopatie: la tossicità cardiovascolare della cocaina potrebbe essere aumentata dalla gravidanza.

COME SI CURA

I bambini affetti da questa sindrome possono ottenere solo una terapia sintomatica.

© RIPRODUZIONE RISERVATA
Publicato in: Corpo&Mente Argomenti: , Data: 26-09-2014 04:00 PM


Lascia un Commento

*