Salute

Piangere fa bene

di Lucrezia Holly Paci
Le lacrime emozionali migliorano la respirazione e aiutano a espellere le sostanze tossiche dal corpo.
A livello fisiologico, un bel pianto ha lo stesso effetto di una risata: la concentrazione di stress ormonale cala, le difese del sistema immunitario si alzano e anche la nostra energia aumenta.

Un bel pianto ha lo stesso effetto di una risata: la concentrazione di stress ormonale cala, le difese del sistema immunitario si alzano e anche la nostra energia aumenta.

Sorpresa: piangere fa bene. A patto che non si tratti di lacrime false. Dona sollievo, migliora l’umore e alleggerisce la mente.  A confermarlo una ricerca fatta sul campo dall’università del Minnesota, in base a cui l’88,8% del campione analizzato, dopo aver pianto, si sente meglio e solo l’8% si sente peggio. A livello fisiologico, un bel pianto ha lo stesso effetto di una risata: la concentrazione di stress ormonale cala, le difese del sistema immunitario si alzano e anche la nostra energia aumenta.
L’ANSIA SI RIDUCE
Cosa c’entra l’ansia con le lacrime? Quando piangiamo esterniamo ed esprimiamo un’emozione. A volte proviamo sentimenti che non vogliamo riconoscere e che ci neghiamo di ascoltare. Capita, per esempio, quando siamo tristi e ci imponiamo di non esserlo. O quando vorremmo urlare contro qualcuno e ci vergogniamo soltanto di averlo pensato. Le emozioni che non ammettiamo di sentire, anche dette “emozioni nascoste”, agiscono a livello fisico creando tensioni nel corpo. Che a loro volta producono ansia.
LA RESPIRAZIONE MIGLIORA
Una volta dato libero sfogo alle lacrime, le tensioni muscolari si sciolgono e anche il respiro diventa più libero. La South Florida University ha dimostrato che le lacrime giovano alla sensibilità della pelle ma migliorano soprattutto la respirazione.
ADDIO ALLE  SOSTANZE TOSSICHE
Non solo. William Frey, autore del libro Piangere: il mistero delle lacrime  e scienziato, ha pubblicato di recente la sua teoria sul pianto, chiamandola «teoria della guarigione». Secondo lo scienziato «Le lacrime sono una specificità fisiologica unica dell’essere umano e aiutano l’organismo a sopravvivere e ad auto-regolarsi».  Accade solo con le lacrime “emozionali”, che sono ben diverse dai piagnistei o dalle lacrime provocate da stimoli non emotivi come il fumo o i pollini.
Piangendo espelliamo dal corpo le sostanze chimiche, che si erano prodotte in una situazione stressante, e si ripristina il giusto equilibrio psico-ormonale. «Come se ci fossimo liberati di qualcosa» ha dichiarato Frey al quotidiano inglese Independent.

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Lascia un Commento

*