Malattie pediatriche

Condrodisplasia non rizomelica

Colpisce prevalentemente le femmine ed è più grave o addirittura letale nei maschi.
La condrodisplasia non rizomelica  è letale nei maschietti.

La condrodisplasia non rizomelica è letale nei maschietti.

La cosiddetta condrodisplasia non rizomelica è una forma di condrodisplasia puntata, un termine che identifica un gruppo di patologie accomunate da calcificazioni ossee periarticolari già presenti alla nascita.

COME SI RICONOSCE

La patologia è caratterizzata dall’associazione tra asimmetria degli arti, eritroderma ittiosiforme lamellare e cataratta, che può essere monolaterale. L’intelligenza è normale. La malattia colpisce prevalentemente le femmine ed è più grave o addirittura letale nei maschi.

COME SI CURA

Il trattamento deve essere adattato in base alla forma della condrodisplasia puntata presente. La prognosi è molto variabile.

© RIPRODUZIONE RISERVATA
Publicato in: Corpo&Mente Argomenti: , Data: 20-06-2014 04:13 PM


Lascia un Commento

*