PREVENZIONE

Frutta contro il diabete

di Francesca D'Elia
Mirtilli, mele e uva aiutano a diminuire il rischio della malattia. Da evitare i succhi.
Frutta. Secondo una ricerca pubblicata sul B la frutta al naturale ridurrebbe il rischio di diabete.

Frutta. Secondo una ricerca pubblicata sul Bmj la frutta al naturale ridurrebbe il rischio di sviluppare il diabete di tipo 2. (Thinkstock)

Contro il diabete esiste un efficace antidoto naturale: la frutta. A dirlo un nuovo studio  pubblicato sul British Medical Journal (BMJ) e condotto da un team di ricercatori del Regno Unito, degli Usa e di Singapore che evidenzia i numerosi benefici che mirtilli, mele e uva in forma naturale possono avere contro il rischio di sviluppare il diabete di tipo 2.
Attenzione però: se assumiamo questi o altri frutti sotto forma di succo possiamo incorrere nel rischio opposto, ossia quello di sviluppare proprio questo tipo di malattia.
ANALISI ATTENTA
Quasi 200 mila partecipanti sono stati oggetto di analisi: tutti sono stati selezionati in base allo stato di salute e la storia di malattie. Infatti sono stati esclusi coloro che al basale presentavano diagnosi di diabete, malattie cardiovascolari o cancro. Mentre i tipi di frutta utilizzati nello studio sono stati 10: tra questi uva o uvetta, pesche, susine o albicocche, prugne, banane, melone, mele o pere, arance, pompelmi, fragole, mirtilli. Tra i succhi di frutta presi in esame invece spiccano quelli alla mela, arancio, pompelmo e altri ancora.
RISCHI RIDOTTI CON LA FRUTTA
La ricerca ha avuto un iter complesso e lungo, dato che sono stati uniti i dati relativi a tre studi Usa di coorte e prospettici. Durante il periodo di analisi tutti i partecipanti sono stati seguiti per determinare il tipo di dieta seguito, la frequenza alimentare e l’insorgere di malattie. E così si è dimostrato che chi assumeva tre porzioni a settimana di mirtilli, uva, uva passa, mele e pere aveva ridotto significativamente il rischio di diabete di tipo 2: in media del 7%.
DA EVITARE I SUCCHI DI FRUTTA
Ma lo studio ha anche dimostrato che chi aveva consumato molti succhi di frutta aveva aumentato pericolosamente il rischio di diabete di tipo 2. In particolare con l’assunzione di succhi di frutta, l’aumento medio del rischio è stato del 6,5%. Perciò, per i diabetici e non solo, a tavola è bene preferire la frutta per uno spuntino energizzante, ma soprattutto a tutta salute.

© RIPRODUZIONE RISERVATA
Publicato in: Cure dolci Argomenti: , , , , Data: 20-09-2013 06:39 AM


Lascia un Commento

*