RICERCA USA

Quelle vampate di calore, in menopausa

di Alma Pantaleo
Si indaga per scoprire un fattore di rischio nella gravidanza con ipertensione. Ma gli esperti sono prudenti.
Uno dei sintomi più fastidiosi della menopausa sono le vampate di calore.

Uno dei sintomi più fastidiosi della menopausa sono le vampate di calore.

Sudorazione notturna e vampate di calore sono dei grossi disturbi per le donne che entrano nella delicata fase della menopausa. Uno studio, pubblicato sulla rivista specializzata Menopause e promosso dalla North American Menopause Society, afferma ora che le più colpite sono le donne che durante la gravidanza hanno sofferto di ipertensione. Ma cerchiamo di capirne di più, alla luce del fatto che, molti esperti, smentiscono questo nesso di causalità.
IPERTENSIONE E SINTONI DELLA MENOPAUSA
Si tratta del primo tentativo, da parte di un équipe di ricercatori, di dimostrare un legame stretto tra le patologie ipertensive che si manifestano specificamente durante la gestazione e i sintomi più evidenti e diffusi della condizione di menopausa, quelli vasomotori, che generano le tanto odiate vampate.
LO STUDIO SU 853 DONNE
Gli autori dello studio hanno valutato i dati di circa 853 donne che avevano riscontrato i tipici sintomi della menopausa. Di queste, 274 avevano sofferto durante la gravidanza di problemi ipertensivi: l’82% del sotto-campione ha accusato caldane e sudorazioni notturne anche prolungate nel tempo, mentre gli stessi disturbi sono stati registrati nel 75% delle donne che in gravidanza non hanno avuto problemi ipertensivi.
MAGGIORE INTENSITÀ DI VAMPATE E SUDORAZIONE
Ma non finisce qui. Oltre alla frequenza di questi fenomeni, le donne che hanno sofferto di ipertensione durante la gestazione hanno anche riscontrato, rispetto alle altre pazienti, una maggiore intensità sia delle vampate di calore che delle sudorazioni notturne.
UN’ASSOCIAZIONE FORSE CASUALE
Per Massimo Candiani, direttore dell’unità operativa di ginecologia dell’ospedale San Raffaele di Milano, il nesso tra disturbi ipertensivi e vampate riscontrato dai ricercatori americani non sarebbe del tutto certo: «È noto che la preeclampsia (un particolare tipo di ipertensione, ndr) è un fattore di rischio cardiovascolare in età post-menopausale. Ma la sua associazione con le vampate potrebbe essere del tutto casuale».
IL PRIMATO DELLO STUDIO AMERICANO
Insomma, i numeri di questo studio non possono ancora confermare in maniera schiacciante il legame tra disturbi sorti in fase di gestazione e quelli sorti in fase di menopausa. Tuttavia non è da escludere che i problemi ipertensivi in gravidanza possano essere uno dei fattori di rischio per le disfunzioni vasomotorie delle donne over 50. In attesa di nuovi studi, ai ricercatori della North American Menopause Society si deve riconoscere il merito di aver indagato, per primi, su un tema fino a oggi mai affrontato.

© RIPRODUZIONE RISERVATA
Publicato in: Menopausa Argomenti: , , Data: 18-06-2013 01:33 PM


Lascia un Commento

*