SALUTE

La pillola dei cinque giorni dopo

di Simona Peverelli
Dal suo sbarco in Italia acquistate 11 mila confezioni. Bilanci e polemiche sul farmaco anti gravidanza.
Pillola del giorno dopo.

Pillola dei cinque giorni dopo. La pillola dei cinque giorni dopo è una forma di contraccezione d’emergenza che è stata commercializzata in Italia nell’aprile 2012.

Circa 11 mila confezioni in un anno, oltre trenta al giorno. A dodici mesi dall’avvio della vendita nelle farmacie italiane della pillola dei cinque giorni dopo, è questo il primo bilancio del farmaco nato per ridurre il rischio di gravidanza indesiderata. Questa formula per la contraccezione d’emergenza, che ha debuttato sui banchi delle farmacie nell’aprile del 2012, è un nuovo farmaco a base di Ulipristal acetato, che ha la capacità di ritardare o bloccare l’ovulazione. Secondo alcuni studi, il farmaco sarebbe più efficace delle vecchie preparazioni se utilizzato già entro le prime 24 ore dal rapporto, ma può avere effetto, come suggerisce il suo nome, se assunto entro le 120 ore (cinque giorni) successive a un rapporto sessuale.
IL TEST DI GRAVIDANZA È OBBLIGATORIO
Prima di passare in farmacia, però, le donne che vogliono interrompere una gravidanza indesiderata, devono presentare al medico il test di gravidanza, indispensabile per ottenere la prescrizione del medicinale. Un obbligo considerato da alcune società scientifiche una «inutile forzatura».
UNA DONNA SU TRE A RISCHIO
Secondo un’indagine svolta dall’Istituto di ricerche BVA Healthcare per HRA Pharma, su oltre 1.234 italiane sessualmente attive, ogni anno quasi una donna su tre ha rapporti sessuali a rischio di gravidanza non voluta. Donne che, secondo la voce dell’azienda direttamemte interessata nella produzione del farmaco «potrebbero non poter utilizzare appieno la contraccezione d’emergenza, anche perché il test di gravidanza non sempre è disponibile nelle strutture pubbliche di riferimento. Questo nonostante sia anche emerso che l’80% delle donne che ha utilizzato il farmaco ha cambiato in positivo i propri comportamenti contraccettivi».
VENDUTA IN 53 PAESI
Intanto, la pillola dei cinque giorni dopo è commercializzata in 53 paesi, ossia nei 27 dell’Ue e tra gli altri, in Norvegia, Serbia, Croazia, Bosnia, Stati Uniti, Sud Corea, dove è accessibile su prescrizione medica lasciando al dottore la scelta dell’iter diagnostico clinico più adeguato per escludere una gravidanza in atto.

© RIPRODUZIONE RISERVATA
Publicato in: Fertilità Argomenti: , , , Data: 06-05-2013 10:46 AM


Lascia un Commento

*