TENDENZE

La chirurgia punta sulle parti intime

di Antonella Rossi
Per ragioni estetiche o funzionali. L'intervento genitale vive oggi il suo momento d’oro.
Si diffonde sempre più la chirurgia intima.

Nell’era della bellezza a tutti i costi, la chirurgia intima vive il suo momento d’oro, infrangendo anche l’ultimo dei tabù.

Ringiovanire, correggere, migliorare, avvicinarsi a un ideale di perfezione. Dopo aver sollevato gli zigomi, modellato le silhouette e riempito il décolleté, la chirurgia estetica è “scesa” alle parti intime. Nell’epoca della bellezza a tutti i costi il bisturi arriva dunque anche lì, infrangendo l’ultimo tabù. In questo caso, però, le donne beneficiano dei nuovi risultati non solo estetici, ma anche funzionali.
UN SETTORE IN CRESCITA
La tendenza è in aumento. Secondo alcuni dati diffusi dall’Aicpe, Associazione italiana di chirurgia plastica estetica, si tratta di uno degli ambiti che negli ultimi anni ha avuto una crescita maggiore. Pur rimanendo una chirurgia di nicchia, solo nel 2012, gli interventi alle parti intime sono aumentati di quasi il 24% rispetto al 2011.
IL DISAGIO SI PUÒ SUPERARE
Letteradonna.it ne ha parlato con Gianfranco Bernabei, specialista in Chirurgia plastica, estetica e ricostruttiva a Milano e consigliere Aicpe. «La richiesta di questo tipo di intervento è aumentata negli ultimi sette-otto anni, e le cause sono riconducibili soprattutto ad alcuni fattori», ci ha spiegato l’esperto.
In primo luogo, secondo lo specialista, se ne parla di più, e c’è quindi maggiore informazione tra le pazienti, mentre in passato c’era un maggior riserbo sull’argomento. «Se una donna avvertiva un disagio legato, ad esempio, alla conformazione dei suoi genitali, si confrontava solo con il ginecologo. Ma quando non ci sono problemi funzionali, il ginecologo è portato a rassicurare la paziente che con l’età e dopo i parti naturali ha un rilassamento dei tessuti», precisa Gianfranco Bernabei.
È ANCHE UNA QUESTIONE DI MODA
Il disagio psicologico che può scaturire dal confronto con altre donne non è però l’unica ragione che può spingere a un intervento di questo tipo. «Un altro aspetto da non trascurare è la moda della depilazione totale delle parti intime, che rende più esposto e visibile ciò che prima era nascosto», chiarisce l’esperto.
VALUTARE CON CURA LE NECESSITÀ
In circostanze delicate, quali sono quelle che spingono a sottoporsi a un intervento chirurgico, la moda non è certo una buona  e sola ragione per decidere di affrontare la sala operatoria.
Gli interventi possibili oggi sono sia di carattere estetico che funzionale: «Tra i più diffusi c’è, ad esempio, l’intervento di ringiovanimento vaginale, effettuato in caso di rilassamento e perdita di tono dei tessuti», ci spiega ancora il chirurgo.
Secondo l’esperto, in questi casi si tratta dunque di una chirurgia riparativa che permette però anche di ottenere dei risultati che migliorano il piacere durante i rapporti sessuali.
Dal punto di vista più strettamente estetico ci sono invece gli interventi di ringiovanimento vulvare, quelli che interessano il monte di venere, e le piccole e grandi labbra. Sono richiesti per correggere problemi congeniti, ipertrofie e asimmetrie.
TECNICHE POCO INVASIVE
Queste due diverse tipologie di intervento si possono fare anche insieme, in un’unica seduta operatoria. «La soluzione combinata è molto richiesta e raggiunge una media del 35-40% degli interventi», chiarisce lo specialista. Nonostante si tratti di parti delicate, la chirurgia genitale è poco invasiva e si fa in day hospital. Nel post operatorio bisogna osservare alcuni giorni di assoluto riposo prima di riprendere le normali attività: dai due ai cinque giorni nel caso di un intervento esterno e più semplice, fino a una settimana per quelli più complessi. Ma per riprendere a fare sport e per l’attività sessuale, lo stop è dai venti ai quaranta giorni. Un’attesa necessaria, per non compromettere il risultato dell’intervento che deve essere sempre eseguito da mani esperte e sicure. Sempre.

© RIPRODUZIONE RISERVATA
Publicato in: Corpo&Mente Argomenti: , , Data: 11-04-2013 10:57 AM


Lascia un Commento

*