RICERCA USA

Artrite, il nemico è tra le mura domestiche

di Alma Pantaleo
Sotto accusa i perfluorurati, presenti in alcuni detersivi e nelle padelle anti aderenti.
I perfluorurati sotto accusa: causerebbero artrite e osteoartrite.

I perfluorurati sotto accusa: causerebbero artrite e osteoartrite.

Le nostre case nascondono molte insidie. Fra queste ci sono i cosiddetti perfluorurati (PFC). Il nome dirà poco ai più, ma si tratta di sostanze nascoste in moltissimi prodotti e utensili usati quotidianamente tra le mura domestiche: padelle antiaderenti, tessuti impermeabili, prodotti per la pulizia della casa e per l’igiene personale, contenitori per alimenti e pesticidi per l’agricoltura.
A RISCHIO LE OSSA DELLE DONNE
I PFC, già accusati di provocare l’infertilità maschile, potrebbero essere anche potenziale causa di artrite e osteoartrite nelle donne. A finire sotto la lente di ingrandimento dei ricercatori dell’Harvard Medical School e del Brigham and Women’s Hospital sono state in particolare due sostanze, l’acido perfluorottanico (PFOA) e l’acido Perfluorottano Sulfonato (PFOS), imputate di far aumentare le probabilità di sviluppare la patologia artrosica.
LE DONNE PIÙ ESPOSTE AI RISCHI DEGLI UOMINI
Gli studiosi statunitensi hanno analizzato i dati del National Health and Nutrition Examination Survey (NHANES, 2003-2008) che ha coinvolto per sei anni diverse centinaia di migliaia di persone di età compresa tra i 20 e gli 84 anni. L’analisi delle informazioni raccolte ha permesso ai ricercatori di scoprire rilevanti correlazioni tra l’artrosi e l’esposizione a queste sostanze. Ma ecco il dato più interessante dello studio pubblicato sulla rivista Environmental Health Perspectives: mentre negli uomini il rischio resta contenuto, per le donne basta un’esposizione superiore al 25% al PFOA e al PFOS per andare incontro a circa il doppio delle probabilità di soffrire di osteoartrite rispetto a chi non è esposto a questi acidi.
I LEGAMI CON GLI ORMONI
Abbiamo chiesto a Giovanni Minisola, direttore della divisione di Reumatologia dell’ospedale S. Camillo di Roma, di commentarci i risultati della ricerca: «Lo studio può avere importanti implicazioni di salute pubblica; il fatto che il fenomeno riguardi in prevalenza il sesso femminile lascia ipotizzare interferenze con l’assetto ormonale estrogenico. Le conclusioni devono essere confermate anche nellepersone che vivono in aree geografiche diverse da quelle della ricerca. Ciò consentirà di meglio chiarire alcuni punti, per esempio qual è la fascia d’età più colpita, la durata di esposizione all’agente chimico, la forma artrosica, localizzata o generalizzata».
LA RISPOSTA AUTOIMMUNE CHE GENERA INFIAMMAZIONE
«L’artrosi è sì una malattia degenerativa, ma ha le caratteristiche di una malattia infiammatoria», aggiunge Guido Valesini, professore ordinario di Reumatologia e direttore della Scuola di Specializzazione in Reumatologia presso la Sapienza di Roma. Ed è  proprio questo dato a rendere lo studio americano particolarmente importante: «Trattandosi di una malattia anche infiammatoria, il livello di diffusione è molto più ampio». E sul perché dell’incidenza quasi esclusivamente femminile di artrite e osteoartrite riscontrata dai ricercatori americani, Guido Valesini non ha dubbi: «I PFC modificano i ricettori ormonali (gli estrogeni). Si crea, così, contro questi, una risposta autoimmune che genera infiammazione».
PERFLUORURATI: UN PERICOLO DIFFUSO
Sarah Uhl, Michelle L. Bell e Tamarra James-Todd, gli autori dello studio, ritengono siano necessari ulteriori ricerche per poter stabilire un rapporto di causa/effetto nel tempo nel possibile sviluppo dell’osteoartrosi. E capire quindi quali sono i meccanismi biologici che si celano dietro questo fenomeno. Ma è indubbio che, vista la grande diffusione di queste sostanze, la loro pericolosità non possa essere ignorata.
Del resto già in passato sostanze simili sono più volte finite sotto accusa, e questo studio non fa altro che confermare che sia necessario approfondire quanto e in che modo composti chimici come i perfluorurati possano essere dannosi per la nostra salute.
Un consiglio di base è quello di usare sempre i guanti nelle pulizie domestiche e controllare bene le etichette dei prodotti acquistati.

© RIPRODUZIONE RISERVATA
Publicato in: Corpo&Mente Argomenti: , , Data: 12-03-2013 12:07 PM


Lascia un Commento

*