VERDURE & CO

Il mistero (svelato) dei cibi addizionati

di Giulia Cimpanelli
Patate, pomodori, carote, sono sempre di più gli alimenti arricchiti. Quando (e se) consumarli.
Il sale è venduto spesso addizionato con iodio, proprio perchè è un alimento che si consuma quotidianamente.

Il sale è venduto spesso addizionato con iodio, proprio perché è un alimento che si consuma quotidianamente.

Patate al selenio, pomodori allo iodio, carote al magnesio: sempre più spesso fruttivendoli e supermercati propongono vegetali e tuberi addizionati di sali minerali e sostanze nutritive. Ma ne vale davvero la pena? Gli alimenti arricchiti costano più dei classici e se ne trovano meno varietà. Vengono prodotti aggiungendo queste sostanze ai concimi per il terreno, con la conseguenza che anche i frutti ne contengano una maggiore quantità. La maggior parte dei vegetali addizionati lo sono di sali minerali, in particolare iodio e selenio.  Ma a che cosa servono?
IODIO PER LA TIROIDE
Su un totale di 50 milligrammi di iodio presenti nell’organismo, circa 10-15 si trovano nella tiroide, mentre nel sangue ve ne sono appena da 10 a 15 micro­grammi per 100 ml. La sola funzione conosciuta dello iodio, nel nostro organismo, è connessa all’attività tiroidea: questo elemento è indispensabile per la produzione di alcune tipologie di ormoni (tiroxina, triiodiotironina). Lo iodio contenuto all’interno di queste sostanze attiva le reazioni ossidative cellulari. In altre parole, regola il livello metabolico dell’intero organismo, favorendo la ricezione dell’ossigeno da parte dei tessuti: «Negli ultimi anni sono aumentati i casi di ipotiroidismo anche perché gli alimenti sono molto più raffinati e i terreni meno ricchi di questo elemento», spiega Diana Scatozza, medico chirurgo specialista in Scienza dell’Alimentazione.

Le patate al selenio è meglio comprarle al supermercato, dove i controlli sono più severi.

Le patate al selenio è meglio comprarle al supermercato, dove i controlli sono più severi.

SELENIO PER LE DIFESE
Il selenio, invece, fa parte di un enzima chiamato glutatione perossidasi, tra i più importanti antiossidanti. Anche lui, dunque, fa parte di quelle sostanze che combattono i “radicali liberi”, colpevoli di rovinare le strutture di proteine, DNA e carboidrati presenti nel nostro organismo, promuovendo la formazione di tumori e velocizzando l’invecchiamento. Il glutanione ha azione detossificante e protettiva anche nei confronti di intossicazioni da mercurio, cadmio, alluminio, arsenico. Come lo iodio, anche il selenio è coinvolto nel metabolismo degli ormoni tiroidei: contribuisce ad aumentare le difese immunitarie, incrementando la produzione di anticorpi e inibendo l’anormale crescita cellulare e quindi lo svilupparsi di eventuali forme tumorali.
ADDIZIONATE: QUANDO E QUANTO MANGIARNE
Dunque viene da chiedersi se non sia meglio fare un uso costante di queste verdure, nonostante costino più delle altre: «Gli alimenti arricchiti hanno senso solo per chi ha un ritmo di vita e alimentazione anomalo o scorretto», prosegue Scatozza, «chi mangia di tutto correttamente, non ne ha bisogno». E per chi ne ha bisogno, quante volte si devono mangiare perché abbiano un effetto benefico sul nostro organismo? «Perché gli effetti del maggiore apporto di sali minerali siano efficaci occorre assumerli tutti i giorni», risponde la dottoressa, «Per questo di solito i medici consigliano di scegliere il sale iodato: il sale è una delle poche cose che usiamo sempre».
GUIDA AL CONSUMO
Tre sono le le regole fondamentali da seguire per il consumo di alimenti addizionati, secondo Diana Scatozza. Innanzitutto è bene valutare se si ha un effettivo bisogno, pensando in primis al proprio stile alimentare quotidiano. In caso di necessità, subentra la seconda regola: consumarli tutti i giorni. E quindi la terza, comprarli nei supermercati e non dal fruttivendolo: «Nella grande distribuzione i controlli sono più severi e sistematici perciò se c’è scritto per esempio “patate al selenio”, ne conterranno davvero quantità maggiore», avverte l’esperta.

© RIPRODUZIONE RISERVATA
Publicato in: Corpo&Mente Argomenti: , , , Data: 13-11-2012 04:00 PM


Lascia un Commento

*